Piano di Solidarietà Certa 2017. Tutto quello che c'è da sapere

Creato dal Consiglio Generale di Confartigianato Padova un fondo per promuovere la solidarietà e l'assistenza agli artigiani

Al fine di promuovere la solidarietà ed assistenza agli artigiani, il Consiglio Generale di Confartigianato Padova ha adottato un nuovo piano di assistenza sanitaria denominato “Solidarietà Certa”, a beneficio degli associati in regola con tutti i contributi associativi previsti da Statuto. 
In base ad una delibera del Consiglio Generale del 21 marzo 2017, è stato creato un fondo di  200.000 euro interamente destinato al sostegno degli imprenditori che necessitano di cure e prestazioni sanitarie o che vengano ricoverati in ospedale.

Queste le principali novità del Fondo: 
 

La richiesta di sussidio deve essere presentate entro 30 giorni dalla data di fattura o ticket o data dimissioni per ricovero ospedaliero. 

Solamente per il 2017, le richieste di sussidio per le spese sostenute dal primo gennaio 2017 al 31 agosto 2017 possono essere prodotte fino al 30 settembre 2017 spedendo la documentazione a: certa@upa.padova.it o consegnando la documentazione presso le sedi Upa del territorio.

 

 A partire da febbraio 2018 si procederà all’erogazione di tutti i sussidi dei beneficiari del Piano 
 
Indennità per grandi interventi chirurgici presenti nell'Allegato A del Fondo: 50 euro per ogni notte di ricovero successiva alle prime tre notti per un periodo non superiore a 100 giorni.
 
Diaria per ricovero ospedaliero senza grandi interventi chirurgici: 25 euro per ogni notte di ricovero, con esclusione della prima notte 
 
Beneficiari del piano di assistenza integrativa
 
I sussidi sono erogabili a favore degli aderenti all'Unione Artigiani. Gli iscritti sono il legale rappresentante dell'impresa artigiana e i suoi soci (lavoranti) in regola con tutte le forme di tesseramento previste da Statuto da almeno due anni.
 
Per le imprese non artigiane, o con sede legale fuori provincia di Padova, i sussidi sono erogabili a favore solo del legale rappresentante in regola con le quote del tesseramento intere degli ultimi due anni.
 
I neo iscritti Upa possono accedere ai sussidi previsti dal Fondo  tenuto conto di una carenza di trenta giorni. Significa che possono essere dati sussidi per le spese di esami, visite o ricoveri (e fare richiesta di rimborso) sostenuti a decorrere dal trentunesimo giorno dalla data di iscrizione all’Unione Artigiani
(esempio: un artigiano si iscrive in Associazione  il primo giugno. Potrà fare visite mediche o esami dal primo luglio e di queste richiederne sussidio)

A tutti i beneficiari che abbiano in atto altri servizi con le società di sistema (Upa servizi spa, Upa formazione) si chiederà la regolarità anche nelle competenze amministrative
 
Sintesi sussidi del piano di assistenza integrativa
1.Indennità per ricoveri ospedalieri dovuti a grandi interventi chirurgici in strutture pubbliche  resi necessari a seguito di malattia e infortunio: 
2. Diaria per ricovero per malattia e infortunio 
3. Prevenzione e controllo.
4. Area specialistica pubblica: ticket per prestazioni sanitarie
5. Area specialistica privata: visite specialistiche, diagnostica strumentale, esami di laboratorio,
6. cicli di terapie(radioterapia e chemioterapia)
7. Assistenza domiciliare
8. Fisioterapia  pubblica  esclusivamente  a seguito di infortunio o intervento chirurgico esclusivamente a fini riabilitativi presso il servizio sanitario nazionale prescritti dal medico di base o da specialista 
 
Domanda di sussidio e documentazione da allegare
Tutte le richieste di rimborso devono essere presentate entro e non oltre 30 giorni dalla data del documento fiscacle originale (ticket fatture) rilasciato dalla struttura sanitaria. La documentazione da presentare include: 
richiesta di sussidio su modello di rimborso qui scaricabile debitamente compilato
ricevuta o ticket delle spese mediche sostenute .
 
In caso di prestazione pubblica, serve, oltre la ricevuta del ticket, anche la fotocopia dell'IMPEGNATIVA o del promemoria della ricetta elettronica 
(Attenzione: la fotocopia dell’impegnativa o della ricetta elettronica va predisposta prima di sostenere la visita o l’esame perché è un documento che viene ritirato al momento della prestazione)
 
In caso di prestazione privata serve oltre la ricevuta della spesa sostenuta, copia della prescrizione medica oppure il certificato emesso dallo specialista contestualmente all'emissione della fattura che attesti la patologia o il sospetto diagnostico che ha reso necessaria la prestazione medica specialistica.
 
Le sedi vi aiuteranno a compilare il  modello di richiesta sussidio  che riepiloga le spese sostenute.
Modalità di richiesta sussidio
Al fine di garantire equità di trattamento tra gli associati, si procederà ai rimborsi successivamente al termine dell'anno di riferimento.
 In caso di insufficienza di fondi, i sussidi saranno proporzionalmente ridotti allo scopo di rispettare l’importo massimo stanziato 
 
Per sapere cosa include esattamente il fondo è necessario scaricarsi l'allegato 
 
Cosa NON è incluso nel piano 
Tutte le spese relative a specialisti che non sono laureati in medicina e chirurgia (psicologo, nutrizionista...), Accesso al pronto soccorso, certificati di malattia, Prestazioni inerenti la medicina legale, la medicina dello sport, la medicina del lavoro, la medicina estetica, la medicina olistica, l'agopuntura, la chiropratica, l'iridologia,l'omeopatia, il rilascio o il rinnovo di patenti automobilistiche nautiche o di volo (comprese le visite di rinnovo), infortuni dovuti a comportamenti pericolosi, alla pratica di sport estremi, trattamenti di vario tipo, fisioterapia pubblica o privata fatta per malattia
 
Per informazioni: Unione Provinciale Artigiani, tel. 049 8206150 –  certa@upa.padova.it.
 

Allegati

Ufficio stampa e media

Progetti di rete

Scopri i progetti dell'Unione Provinciale Artigiani di Padova

© Unione Provinciale Artigiani Padova, Piazza de Gasperi 22, Via Masini 6, tel. 049 8206311 - 049 8206154, c.f. 80008710289