Disposizioni Decreto Cura italia su canone di locazione

Agenzia delle Entrate fornisce i primi chiarimenti

L’Agenzia delle Entrate con la Circolare n. 8  del 03/04/2020 fornisce i primi chiarimenti in merito alle questioni attinenti alle disposizioni del Decreto Cura Italia. Si segnala la risposta dell’Agenzia delle Entrate che evidenzia il requisito del pagamento del canone come condizione necessaria per avere diritto al credito d’imposta per botteghe e negozi (art. 65 del DL n. 18/2020).


QUESITO: L’articolo 65 del Decreto prevede testualmente che il credito è riconosciuto «nella misura del 60 per cento dell'ammontare del canone di locazione di marzo 2020». Quindi, letteralmente, sembrerebbe spettare in relazione al canone pattuito senza necessità di verifica dell'eventuale pagamento del medesimo; peraltro, la relazione tecnica ha effettuato la stima sulla base dei contratti registrati che riportano il canone pattuito. Si chiede, in proposito, di chiarire se il credito d’imposta in esame previsto dall’articolo 65 del Decreto matura in relazione al canone di affitto pattuito indipendentemente dal pagamento del medesimo.

RISPOSTA: L’agevolazione in esame ha la finalità di contenere gli effetti negativi derivanti dalle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica nei confronti dei soggetti esercitanti attività d’impresa nell’ambito della quale risulta condotto in locazione un immobile in categoria catastale C/1. Ancorché la disposizione si riferisca, genericamente, al 60 per cento dell’ammontare del canone di locazione, la stessa ha la finalità di ristorare il soggetto dal costo sostenuto costituito dal predetto canone, sicché in coerenza con tale finalità il predetto credito maturerà a seguito dell’avvenuto pagamento del canone medesimo. 
 
Per informazioni
Nucleo tributario Upa servizi, tel 049 8206351 - 049 8206329 - 049 8206315

Ufficio stampa e media

Progetti di rete

Scopri i progetti dell'Unione Provinciale Artigiani di Padova

© Unione Provinciale Artigiani Padova, Piazza de Gasperi 22, Via Masini 6, tel. 049 8206311 - 049 8206154, c.f. 80008710289