Giotto sotto le stelle

Il 26 settembre si terrà la visita animata alla Cappella degli Scrovegni

Vivere un’esperienza coinvolgente tra i trecenteschi affreschi della Cappella degli Scrovegni: è questa la proposta che Confartigianato Padova e Anap fanno ai propri iscritti, in collaborazione con l’Associazione Teatrortaet.

Il 26 settembre prossimo sarà possibile prenotare la partecipazione ad una visita animata ai dipinti di Giotto. Saranno due i turni disponibili, con inizio alle 18.30 e alle 20.30. Ad ogni turno potranno partecipare venticinque persone.
 
Che cosa sono le visite animate? Lo chiediamo a Carlo Bertinelli, fondatore insieme ad Alessandra Brocadello, di questa iniziativa: “Nel 2003 ad Alessandra è venuta l’idea di raccontare la storia di un monumento, attraverso l’interpretazione dei personaggi che lo hanno vissuto. L’opera artistica, dunque, fa da scenografia mentre io ed Alessandra impersoniamo i protagonisti delle vicende accadute in quel luogo. Abbiamo iniziato al Pedrocchi e negli anni abbiamo animato circa venti diversi monumenti: da Villa Pisani al Castello di San Pelagio, dalla casa del Petrarca al Palazzo Ducale di Mantova”.
 
Il lungo elenco di rappresentazioni è disponibile nel sito visiteanimate.it.
Nella Cappella degli Scrovegni prenderanno vita Giotto e Dante, Enrico Scrovegni e la moglie Jacopina d’Este.
 
La visita inizierà evocando Chiara d’Assisi, Sant’Antonio e la beata Elena Enselmini che, sulla scia, sono stati a Padova i massimi testimoni di un’esistenza protesa all’imitazione di Cristo. Ma il contrasto tra la ricchezza usata “a fin di bene” e il denaro conseguito con l’usura viene riproposto dalle prediche appassionate di Antonio e da due popolani “figuranti” nelle sacre rappresentazioni del tempo: il giullare Diavolo e la popolana-Invidia. 
 
La seconda parte dello spettacolo si concentra sulle ambizioni di Enrico Scrovegni, il quale voleva far diventare la cappella affrescata il massimo esempio di una visibilità virtuosa a livello cittadino, che conferisse prestigio alla sua casata. Una politica attuata anche con matrimoni di rilievo come quello con Jacopina d’Este, anch’essa evocata nella visita, e interpellando artisti di grido come Giotto. Una politica che si appoggia sull’avallo papale, che concede l’indulgenza ai frequentatori della cappella, ma che sarà contrastata dai vicini frati Agostiniani, dalla casata Carrarese che alla fine porterà il ricco Scrovegni in esilio volontario a Venezia. In questo contesto viene evocato un coetaneo di Giotto, Dante Alighieri, che pure scrisse la sua opera più famosa, la Divina Commedia, quando già il capolavoro pittorico padovano era compiuto, ma che tratteggiò nelle sue terzine infernali un indelebile ritratto del padre di Enrico Scrovegni da usuraio impenitente e dannato.
La parte centrale della visita si svolge all’interno della cappella dove il significato del ciclo pittorico viene illustrato dai due principali attori del corteo processionale che ogni 25 marzo, festa dell’Annunciazione, univa la cattedrale e la cappella dell’Arena.
 
Per partecipare alla visita animata, che ha un costo di 16 Euro (10 Euro + 6 Euro per l’ingresso alla Cappella degli Scrovegni), è necessario prenotare entro il 14 settembre alla Segreteria provinciale di Anap, Simone Pegge, Tel.  0498206387 – 3465005187 - e-mail: simone.pegge@upa.padova.it.
 

Ufficio stampa e media

Progetti di rete

Scopri i progetti dell'Unione Provinciale Artigiani di Padova

© Unione Provinciale Artigiani Padova, Piazza de Gasperi 22, Via Masini 6, tel. 049 8206311 - 049 8206154, c.f. 80008710289