Il pomodoro segnalato in etichetta

Dal Ministero nuove regole stabilite da un Decreto

In G.U n.47 del 26.02.2018 è stato pubblicato il Decreto 16 novembre 2017 con cui il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha introdotto le regole per l’indicazione in etichetta dell'origine del pomodoro.

 
Il provvedimento si applica esclusivamente ai seguenti prodotti alimentari preimballati destinati al consumatore finale, quali le conserve e concentrato di pomodoro, oltre che a sughi e salse che siano composti almeno per il 50% da derivati del pomodoro.
 
L'indicazione di origine da riportare in etichetta è data dalle seguenti diciture:
 
a) «Paese di coltivazione del pomodoro»: nome del Paese in cui è stato coltivato il pomodoro;
b) «Paese di trasformazione del pomodoro»: nome del Paese in cui il pomodoro è stato trasformato.
 
Qualora il pomodoro impiegato per i prodotti che rientrano nel campo di applicazione della norma sia stato coltivato e trasformato interamente in un unico Paese, l'indicazione di origine potrà prevedere l'utilizzo della sola dicitura: «Origine del pomodoro: nome del Paese».
 
Se invece la produzione o la trasformazione avviene nei territori di più Paesi membri dell'Unione europea o situati al di fuori dell'Unione europea, per indicare il luogo in cui la singola operazione è stata effettuata possono essere utilizzate le seguenti diciture: «UE»,
«non UE», «UE e non UE».
 
Il decreto entrerà in vigore dopo centottanta giorni dalla data della sua pubblicazione in G.U avvenuta il 26 febbraio 2018 ed i prodotti che non soddisfano i nuovi requisiti,
 
 Confartigianato Imprese Veneto
 
Via Torino, 99 – 30172 Mestre (Ve) – Tel. 041.2902968 – Fax 041.2902953 - e-mail segreteriacategorie@confartigianato.veneto.it C.F. 80013140274
 
immessi sul mercato o etichettati prima dell'entrata in vigore dello stesso, possono essere commercializzati entro il termine di conservazione previsto in etichetta.
 
Si sottolinea, infine, che come per gli altri provvedimenti dello stesso tenore anche questo ha valenza sperimentale, ovvero le disposizioni in esso contenute si applicheranno fino al 31 dicembre 2020 o prima di tale data se nel frattempo la Commissione Europea avesse adottato un provvedimento sulla stessa materia.
 

Ufficio stampa e media

Progetti di rete

Scopri i progetti dell'Unione Provinciale Artigiani di Padova

© Unione Provinciale Artigiani Padova, Piazza de Gasperi 22, Via Masini 6, tel. 049 8206311 - 049 8206154, c.f. 80008710289