Il valore del pulito

Grande successo degli appuntamenti di Confartigianato. Testimone d’eccezione il rugbista Mauro Bergamasco

Si sono svolti a Padova presso il centro congressi di Villa Ottoboni sei incontri seminariali dal titolo “Il Valore del Pulito” dedicati agli imprenditori del settore del cleaning con l’obiettivo di aumentare le loro conoscenze e fornire gli strumenti utili per comunicare al cliente il valore di un servizio di qualità e quindi di accompagnarle nel percorso della certificazione Impresa Affidabile. 
 
Gli incontri seminariali, organizzati da Confartigianato Imprese Padova e CNA del Veneto con il contributo di EBAV, sono stati programmati con la consapevolezza che oggi sia necessario presentarsi sul mercato con un sistema organizzato supportato da una certificazione che identifichi le imprese che, con serietà e competenze tecniche, garantiscono rispetto, sicurezza, precisione, controllo, tutto racchiuso in una sola parola “affidabilità”.
 
La parte introduttiva del percorso è stata affidata al dottor Enrico Cancino, il consulente che si è occupato di organizzare e realizzare per le Imprese di Pulizia del Veneto la certificazione volontaria Impresa affidabile, nata appunto con l’obiettivo di far crescere professionalmente le imprese e di prepararle ad affrontare il mercato con un’organizzazione di qualità certificata. Il dottor Cancino ha illustrato i contenuti della carta dei servizi, ovvero un disciplinare, che impegna l’Impresa di Pulizia a svolgere il servizio secondo principi di qualità, correttezza e controllo.
 
Ha sottolineato che l’obiettivo principale della certificazione è comunicare al cliente le peculiarità che contraddistinguono un servizio offerto dalle imprese di pulizie artigiane, che sono l’accuratezza, la garanzia di serietà, sicurezza, regolarità, riservatezza, puntualità e continuità del servizio, nonché la riduzione dell’impatto ambientale. 
 
Tutte queste caratteristiche sono proprie di un servizio artigianale e lo rendono distinguibile e riconoscibile da tutti gli
altri.
La certificazione di conformità alla carta dei servizi Impresa Affidabile è possibile raggiungerla dopo circa due mesi di applicazione e il costo è quasi interamente recuperabile con il servizio EBAV.
 
Durante l’incontro successivo tenuto dall’Avvocato Lucia Casella sono stati diversi gli argomenti trattati tra cui i dati sensibili, i diritti e i doveri del cliente, un’illustrazione dettagliata relativa alle possibili procedure di conciliazione e cioè in caso di giudizio che cosa si intende per mediazione o negoziazione. Ma l’argomento principe è stato sicuramente il contratto privato per cui l’avvocato Casella ha fornito l’indicazione di come, a suo parere, deve essere formulato il contratto per fornire la massima tutela e garanzia; l’avvocato ha messo a diposizione dei presenti un fac-simile di contratto tipo per appalto privato dei servizi di pulizia.
 
Al seminario del 4 aprile è intervenuto il Direttore Commerciale di ISC Group Stefano Grosso per trattare l’argomento del miglioramento della qualità del servizio di pulizia fissando tre obiettivi da raggiungere per la corretta gestione di un’impresa di pulizie: 1. Mantenere e rinnovare le commesse/clienti esistenti, 
2. acquisire nuove commesse/clienti, 
3. ottimizzare l'operatività per ottenere la massima marginalità.
 
Mettendo al centro della discussione il valore del servizio di pulizia ha poi evidenziato le attività che creano valore e ha escluso quelle che creano spreco di risorse ed energie come ad esempio, preparare troppe bottiglie di pronto all'uso, il tempo sprecato perché l'attrezzatura non funziona, procedure non efficienti causate da sequenze di operazioni non ottimali, strumenti sbagliati, ecc. Quindi ha spiegato che per aumentare l’efficacia del servizio senza aumentare i costi è necessario standardizzare tutte le singole attività individuando delle situazioni omogenee, all'interno delle quali andranno definiti, strumenti, procedure e tempi standard.
 
Altro tema trattato da Stefano Grosso è stato il calcolo del ROI (ritorno sull’investimento) un’operazione utile per raggiungere l’ottimizzazione dei costi, migliorare il servizio e fidelizzare il cliente.
 
L’undici aprile in collaborazione con l’associazione AFIDAMP i temi trattati sono stati il sopralluogo del cantiere, il preventivo e il piano di lavoro con una relazione di Elio Zibra dell’azienda Dianos e strumenti di misura del pulito a cura di Simone Coccato della ditta DIVERSEY.
 
Il sig. Zibra ha spiegato che gli step da seguire per un’adeguata pianificazione di un servizio di pulizia sono fondamentalmente 4: la raccolta dati, la stesura del piano di pulizia, la sua esecuzione ed infine il controllo. Nella prima fase, la raccolta dei dati del cantiere, come l’attuale stato di pulizia, la datazione dell’immobile, il tipo di attività, sono fondamentali al fine di definire le successive fasi di lavoro. Per aiutare gli operatori ad affrontare in modo più veloce ed efficace tutte le fasi ha illustrato alcuni schemi tipo che si possono utilizzare per rendere più agevoli ed efficaci tutte le operazioni agli addetti ai lavori, considerato che la voce di costo per le pulizie professionali è la manodopera.
 
Il sig. Coccato ha illustrato i metodi e gli strumenti più idonei per gestire tecnicamente un cantiere, saper riconoscere i vari tipi di sporco e individuare i fattori che intervengono per pulire efficacemente. Ha illustrato quali sono i flussi operativi di pulizia ed infine gli strumenti per misurare i risultati.
 
Al seminario del 17 aprile è intervenuto Gianni Moretti consulente dell’ente certificatore CSQA per illustrare le metodologie di esecuzione dei lavori per gli interventi di pulizia nelle aziende del settore alimentarie.
Il dottor Moretti ha aperto il suo intervento sostenendo che le Imprese di Pulizie certificate Impresa Affidabile sono già organizzare in modo tale da offrire un’ottima qualità, sia del servizio che della modalità di erogazione dello stesso, hanno capacità di cogliere le esigenze del cliente e di monitorarne la soddisfazione, ma per soddisfare le esigenze dell’azienda alimentare c’è bisogno di conoscere alcuni obblighi di Legge e alcune procedure aziendali da condividere con i committenti.
 
Nell’industria alimentare esiste un alto rischio che insorgano pericoli, pertanto è necessario conoscere la natura dei pericoli per ridurre al minimo le incognite.
Gianni Moretti ha poi descritto in maniera approfondita tali pericoli e le procedure standardizzate di pulizia e sanificazione di tutte le aree di lavoro, nonché i requisiti del personale addetto.
 
Il percorso seminariale si è concluso con l’intervento di Barbara Monacelli responsabile marketing di ISC Group, che ha trattato l’argomento della comunicazione dell’immagine aziendale e delle sue principali caratteristiche, nonché le opportunità di promozione che si possono cogliere dall’web per promuovere e valorizzare le peculiarità proprie dell’azienda anche facendo leva sul marchio Impresa affidabile.
 
Al termine di ogni incontro il testimonial Mauro Bergamasco, ex giocatore della nazionale italiana di rugby, è intervenuto per un coaching sugli obiettivi che si possono raggiungere facendo squadra, immaginando di viaggiare tutti assieme in un ipotetico pullman, ovviamente  riferito alla certificazione Impresa Affidabile.

 
Per informazioni: 
Confartigianato Imprese Padova – Manuela Barzan
 

Allegati

Ufficio stampa e media

Progetti di rete

Scopri i progetti dell'Unione Provinciale Artigiani di Padova

© Unione Provinciale Artigiani Padova, Piazza de Gasperi 22, Via Masini 6, tel. 049 8206311 - 049 8206154, c.f. 80008710289