Studi di settore sostituiti dai nuovi indici sintetici di affidabilità

Sono gli indicatori per verificare la coerenza della gestione aziendale

 Un decreto legge (’art. 9-bis, DL n. 50/2017) ha previsto l’introduzione dei nuovi “Indici sintetici di affidabilità fiscale” (ISA) in sostituzione degli attuali studi di settore. I nuovi indici  rappresentano la sintesi di indicatori elementari finalizzati a verificare la normalità e la coerenza della gestione aziendale / professionale ed esprimono su una scala da 1 a 10 il grado di affidabilità fiscale riconosciuto al contribuente, anche al fine di consentire a quest’ultimo l’accesso al regime premiale (tra cui l’esclusione dagli accertamenti analitico-presuntivi, la riduzione dei termini per l’accertamento, l’esonero dall’apposizione del visto di conformità per la compensazione dei crediti tributari, ecc.). Gli Indici sono approvati dal MEF  (Ministero dell’Economia e delle Finanze) con un apposito Decreto da emanare entro il 31.12 del periodo d’imposta per il quale sono applicati. Con un apposito Provvedimento, l’Agenzia delle Entrate individua le attività economiche per le quali devono essere elaborati gli Indici ovvero ne deve essere effettuata la revisione. Con il recente Provvedimento 22.9.2017, l’Agenzia ha individuato “gli indici di affidabilità fiscale da elaborare e, a seguito di approvazione con decreto del Ministro dell’Economia e delle finanze, da applicare a partire dall’annualità di imposta 2017”. In particolare sono stati “selezionati” 70 ISA che coinvolgono 290 attività nell’ambito dei seguenti comparti economici:

• commercio (29);

• servizi (17);

• manifatture (15);

• professionisti (9).
 

Ufficio stampa e media

Progetti di rete

Scopri i progetti dell'Unione Provinciale Artigiani di Padova

© Unione Provinciale Artigiani Padova, Piazza de Gasperi 22, Via Masini 6, tel. 049 8206311 - 049 8206154, c.f. 80008710289